ITDevCon 2017 Spring Edition has been a success!

ITDevCon 2017 Spring Edition has been a success! Beyond the good crowd of loyal Delphi italian programmers that usually comes to ITDevCon, also a good number of new guys were coming to the “Spring Edition”. Maybe because the SE is shorter, maybe because all the speeches were in italian, maybe because the Linux support attracted new people… maybe for all these things (we are still giving a full meaning to the surveis took during the conference).

The “community” mood has been always present at ITDevCon, and the SE is not different. Here’s some photos taken by our official photographer Valentina.

All the other photos are available in the ITDevCon 2017 SE album on ITDevCon facebook page.

Thanks to our sponsors, the final raffle gets its usual success!

So a big thank you to:

 

 

Here’s some photos, check the full album ITDevCon 2017 SE album on ITDevCon facebook page.

The class during my speech about hard-core linux development with Delphi
The class during my speech about hard-core linux development with Delphi
Salvatore introducing columbusegg4delphi
Salvatore introducing columbusegg4delphi

Daniele Spinetti (a.k.a. Spinettaro a.k.a. Danielino) talking about RaspberryPI+Delphi controlling hardware.
Daniele Spinetti (a.k.a. Spinettaro a.k.a. Danielino) talking about RaspberryPI+Delphi controlling hardware.

Italian Food!!
Italian Food!!
Italian Food!!
Italian Food!!

 

See you at the next ITDevCon… the standard one!

ITDevCon 2017 Spring Edition

Yes, we did it!

As we anticipated at the last ITDevCon in Rome (oct 2016) in 2017 we organized another appointment with ITDevCon, called Spring Edition. The Spring Edition is shorter than the classic edition and it is only in italian language, but offers the usual high-level contents that the ITDevCon brand usually does.

Many users recognize ITDevCon as a “different” conference – it is more business oriented, more practical and more authoritative than many other conferences out there. We are glad of these opinions and we’ll do our best to mantain this situation. So, this year we want to test a different format and timing. To keep things simple, we organized the spring edition only in italian language (that’s it, all the speeches are in italian). Don’t be afraid, the standard ITDevCon conference will remain of 2 days in october/november timeframe and with the usual format and languages!

In this spring edition I’ll talk about the following topics (in italian):

 

I miei speech per ITDevCon 2017 Spring Edition

DelphiMVCFramework 3.0: l’evoluzione della specie!
Dopo oltre 7 anni di sviluppo ininterrotto DelphiMVCFramework è arrivato alla versione 3.0 ed è uno dei framework RESTful più popolari del mercato. Oltre ad avere nuove caratteristiche, la versione 3.0 si distingue per una serie di refactoring e componentizzazioni che la rendono più snella, veloce, potente ed estendibile. Inoltre, dmvcframework 3.0 aggiunge il supporto per Linux e per la serializatione automatica personalizzata. Anche solo ricompilando un progetto 2.x avrai un importante miglioramento delle performance. In questo talk vedremo cosa c’è di nuovo nella 3.0, tutti i cambiamenti rispetto alla 2.x e come sviluppare soluzioni dmvcframework per Linux. Se già conosci dmvcframework, o anche se vuoi conoscere uno dei framework RESTful per Delphi più popolari, non puoi perdere questo talk.

Delphi per Linux… ma per davvero! Segnali, servizi e daemon
Scrivere un’applicazione console che esponga un servizio TCP o che esegua altre operazioni in background sembra facile. Scriverla correttamente e secondo le best practices tipiche di Linux potrebbe non esserlo. Per chi viene da Windows la conoscenza di alcuni aspetti tipicamente Linux potrebbero fare la differenza tra un software professionale e uno che “da me funziona”. Ad esempio: come gestire i segnali Unix? Come gestire la concorrenza tra segnali? I miei interrupt software sono rientranti? Come far partire un daemon al boot? come farlo ripartire da command line? Come gestire il cambio della configurazione e il restart? Se il daemon dovesse andare in crash, come posso farlo ripartire in automatico? Come definisco le dipendenze tra daemon? In questo speech molto denso di informazioni daremo risposta a tutte queste domande con esempi su Ubuntu Linux scrivendo servizi per systemd (lo standard de facto per sistemi Linux moderni).

Trasforma un database relazionale in un vero decision support system con Elasticsearch
Quando la struttura dei dati è complessa, non strutturata o i dati da ricercare diventano tanti, il database relazionale non è più lo strumento adatto a gestirli in maniera efficiente. Anche il sistema più semplice genera dati non strutturati come log, testi descrittivi, campi “note” e altro. Ostinarsi ad utilizzare un database relazionale in uno scenario del genere è assolutamente controproducente e può comportare problemi di usabilità e performance per gli utenti finali. Tenere traccia dei dati non strutturati non è sufficiente a dargli un senso e a renderli una buona base per un DSS (decision support system). Ancora una volta, usare un database relazionale è una soluzione miope, antiquata e inefficiente al problema. ElasticSearch permette di dare un senso ai dati non strutturati, e/o non omogenei, in maniera efficace ed efficiente. In questo talk vedremo cosa è ElasticSearch e perché potrebbe aver senso integrarlo nella propria soluzione software. La possibilità di affiancare ElasticSearch ad un sistema esistente senza stravolgerne l’architettura attuale, rende la scelta di ElasticSearch vantaggiosa e indolore.

E’ possibile acquistare i biglietti per la conferenza direttamente dal sito.

Ci vediamo a Roma!

DT